Paesaggi, una risorsa da tutelare e promuovere

L’iniziativa è stata presentata nella Sala dei Giudizi in Loggia
L’iniziativa è stata presentata nella Sala dei Giudizi in Loggia (BATCH)
13.01.2018

I paesaggi non sono solo fonti di bellezza, ma anche risorse economiche: è il pensiero che sottende il convegno dal titolo «I paesaggi. Salvaguardia e promozione di un patrimonio italiano» in programma il 19 e 20 gennaio all’Auditorium San Barnaba di Brescia e promosso dall’Università degli studi, Fondazione Asm e Ateneo di Brescia onlus, con il sostegno di vari sponsor e enti tra cui il Comune e la Provincia. L’idea di questi incontri di approfondimento è il frutto di «un riflessione iniziata tre anni fa con l’università di Brescia – ha spiegato Sergio Onger, presidente di Ateneo – con l’obiettivo di pensare e rendere concreta la tutela del paesaggio con i mezzi limitati che ci sono a disposizione in questi anni di crisi economica mondiale, che ci costringono a ragionare in modo molto diverso da come si faceva negli anni Settanta». Il punto di «forza e di originalità del convegno è - secondo Roberto Cammarata, presidente Fondazione Asm – la declinazione al plurale dell’oggetto di studio: paesaggi, quindi, perché il nostro paese è costituito da una molteplicità di scenari che saranno affrontati a partire dai fenomeni derivanti dall’incontro tra dimensione antropica e dimensione naturalistica. Particolare attenzione sarà riservata alle potenzialità economiche e alle ricadute turistiche delle riflessioni, con grande attenzione al nostro territorio». NELLO SPECIFICO Cammarata si riferisce all’incontro di venerdì pomeriggio dal titolo «nuove ipotesi di riconoscimento Unesco per il territorio bresciano», in cui saranno illustrate tre peculiarità bresciane da sottoporre all’attenzione dell’Unesco: la Franciacorta e il lago d’Iseo (con intervento dell’editore Tino Bino), il lago di Garda e il suo entroterra (a cura del giornalista Massimo Tedeschi) e le zone delle Mille Miglia (illustrate da Piergiorgio Vittorini presidente di Aci-Brescia). Ma l’appuntamento non ha risonanza esclusivamente locale: lo dimostra la presenza di Francesca Riccio, che fa parte dell’ufficio Unesco e di tanti docenti provenienti dalle università di tutta Italia. Per il programma è possibile consultare www.ipaesaggi.com, dove si trovano sia i titoli delle tavole rotonde e delle relazioni, sia la scheda di iscrizione, consigliata anche se non obbligatoria. IR.PA.