Folzano saluta la nuova
piazza: «Uno spazio
tutto da riempire»

Il sindaco e l’assessore all’inaugurazione della nuova piazzaGli abitanti del quartiere con gli alunni delle scuole hanno partecipato alla cerimonia FOTOLIVE
Il sindaco e l’assessore all’inaugurazione della nuova piazzaGli abitanti del quartiere con gli alunni delle scuole hanno partecipato alla cerimonia FOTOLIVE
Anna Castoldi 06.12.2018

Non poteva essere un giorno migliore per Folzano, dove ieri mattina è stata inaugurata la piazza sotto un cielo terso e un piacevole sole invernale. «Abbiamo prenotato il bel tempo» ha scherzato l’assessore alla Rigenerazione urbana Valter Muchetti, alludendo alla precedente cancellazione dell’evento per maltempo. Un anno fa il piazzale antistante la chiesa parrocchiale in via della Palla era dissestato e imbruttito da una pavimentazione rovinata, dove le macchine sostavano disordinatamente. L’AMMINISTRAZIONE ha stanziato circa 278mila euro per i lavori di riqualificazione, iniziati la scorsa primavera e terminati il 23 ottobre. L’intervento ha riorganizzato lo spazio con l’obiettivo di renderlo più funzionale. Il perimetro della piazza è stato delimitato da paracarri uniti da catene: l’area sarà interamente pedonale. Le lastre danneggiate sono state rimpiazzate con altre di materiale più resistente, mentre i cubetti in porfido del sagrato, ormai sgretolati, sono stati sostituti. Per le auto sono previsti 24 posti nella fascia limitrofa più altri 19 in una nuova area di sosta adiacente, completa di caditoie, pozzetti e tubazioni per le acque meteoriche. Lungo la linea di separazione tra la zona pedonale e i parcheggi sono stati collocati cinque platani in altrettante aiuole circolari, intervallate da quattro panchine in pietra naturale. Gli abitanti del quartiere, con le autorità e gli alunni della scuola primaria Prandini e della scuola dell’Infanzia Folzano, hanno preso parte alla cerimonia di inaugurazione, dove è intervenuto il sindaco Emilio Del Bono: «Abbiamo investito 115 milioni di euro in cinque anni per le opere pubbliche - ha ricordato -. Non amo molto il termine “periferia”. Questi quartieri fanno parte del tessuto della città, a tutti gli effetti». I paracarri in pietra di Botticino intorno alla nuova zona pedonale, ha svelato il primo cittadino, vengono da Piazza Vittoria. Un simbolo che racchiude il legame tra il centro storico e le aree periferiche della città. «Attenzione al verde pubblico, efficienza nei trasporti, scuole funzionanti: questi ingredienti fanno la bellezza di un quartiere. Preservarla spetta ai cittadini». L’assessore Muchetti si è rivolto ai bambini: «Vi affidiamo questo angolo di città. Qui ci sono l’oratorio, la parrocchia, la sala civica e altri luoghi di aggregazione. È uno spazio che va difeso e protetto, ma anche animato. Questo compito toccherà a voi». Dello stesso avviso don Sergio Contessi, nuovo parroco di Folzano: «Vorrei che questa piazza guarisse da un male molto diffuso: la solitudine. Vorrei che diventasse un luogo di incontro, di dialogo e magari di preghiera». La benedizione e il taglio del nastro hanno sigillato la cerimonia, seguita dagli abitanti del quartiere. Molti apprezzano l’aspetto della nuova piazza: «il lavoro è stato fatto molto bene - si felicita una signora -. Sono soddisfatta del Comune, ha sistemato il bocciodromo e aperto la sala civica dove gli anziani giocano a carte». Osserva un’altra pensionata: «Lo spazio è bello, ora bisogna riempirlo. Qui non ci sono molti giovani, è un paese tranquillo». Qualche critica dalle mamme: «Qui ci sono due scuole molto frequentate, all’uscita arrivano decine di auto a prendere i bambini. Prima si sistemavano nella piazza, ora hanno molto meno spazio. Finiscono con l’invadere la via pedonale di fronte all’asilo». Non potrebbero approfittarne per venire a piedi? «Sarebbe un’ottima idea, ma molti vengono da fuori e non c’è pista ciclabile. Il vero problema è che noi mamme oggi siamo sempre di corsa». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRELATI