Ferrovia-metrò, il
cantiere al capolinea:
apre il sottopasso

Le prime immagini del sottopasso appena terminato  FOTOLIVEIl nuovo collegamento FOTOLIVE
Le prime immagini del sottopasso appena terminato FOTOLIVEIl nuovo collegamento FOTOLIVE
E.B. 19.04.2018

Dopo 333 giorni di lavoro domani pomeriggio verrà aperto il sottopasso che permetterà di andare dalla stazione dei treni dell’alta velocità alla metropolitana senza uscire all’aperto. I cantieri erano iniziati il 22 maggio dello scorso anno, e terminano il 20 aprile. Con un ritardo sul cronoprogramma di circa due mesi: la ditta che si aggiudicò l’appalto, la all’Ati tra Fl Costruzioni&Autotrasporti e Impresa edile stradale Artifoni, una parte del lavoro l’ha dovuto fare solo di notte per non interferire con il traffico dei treni. La Rti aveva vinto l’appalto con un ribasso 32,6 per cento sul prezzo a base d’asta, pari a 2,5 milioni di euro. Della progettazione è stato incaricato lo studio di architettura Crew di Lamberto Cremonesi, lo stesso che ha disegnato la gran parte delle stazioni del metro. La committenza è di Brescia Infrastrutture, la società patrimoniale del Comune proprietaria dell’infrastruttura, che ha attinto ad un finanziamento di sei milioni di euro deliberato dal Cipe, il comitato interministeriale per la programmazione economica a favore della mobilità di Brescia. Di quei sei milioni, 3,3 vennero impiegati per il finanziamento del collegamento tra le due infrastrutture, considerando che la Stazione ferroviaria andava potenziando la propria capacità con i treni dell’alta velocità. Il cantiere che arriva domani al traguardo ha vissuto momenti difficili quest’inverno: per due volte le forti piogge hanno allagato il sottopasso e sono dovute intervenire squadre dei vigili del fuoco e i tecnici di A2A perché la situazione era andata oltre il rischio previsto. CON L’INAUGURAZIONE di domani pomeriggio alla presenza del sindaco Emilio Del Bono, dell’assessore alla Mobilità, Federico Manzoni e del presidente di Brescia Infrastrutture, Fabio Lavini, il sottopasso entra in funzione ma questo non segnerà una definitiva smobilitazione del cantiere dall’area. La stazione della metropolitana Fs è tra quelle che la società comunale ha inserito nel programma di copertura, ma a causa dei lavori del collegamento, l’installazione della pensilina è slittata rispetto alle altre. Dunque, chiuso un cantiere ne riaprirà a breve, si può immaginare, un altro per montare la copertura in vetro e acciaio. Sempre a proposito della stazione Fs, erano annunciati lavori per mettere un’opera d’arte di Mimmo Paladino. Non è mai stata collocata. Il sottopasso è stato più veloce. • © RIPRODUZIONE RISERVATA