Allarme maltempo,
il vento sferza e
piega la provincia

Maltempo
Maltempo
Paola Buizza06.11.2017

Era atteso ed è arrivato. Il maltempo che ieri si è abbattuto anche in provincia, come nel resto d’Italia, ha lasciato i segni, soprattutto per le forti raffiche di vento che hanno impegnato le squadre dei Vigili del Fuoco su tutto il territorio, città compresa.

DIVERSE le chiamate alla centrale di via Scuole per interventi dovuti alla caduta di alberi e pezzi di intonaco dai palazzi. In via Longhi, zona Lamarmora, i pompieri hanno dovuto lavorare peri calcinacci distaccati da un edificio che hanno anche procurato danni a una vettura parcheggiata. Ma le squadre hanno dovuto lavorare anche in via Solferino, via Romanino, nel capoluogo, e a Nave dove è stato necessario smontare il tetto del palazzo Acli: per effetto del vento si sollevava quasi fosse una vela. Per mettere la copertura in sicurezza è stata necessaria la chiusura di via Brescia per qualche ora. A Orzinuovi si è dovuta rimuovere una pianta caduta su una strada.

Non per il vento ma per il fuoco sono dovute intervenire tre squadre dei Vigili del Fuoco a Barbariga, in via Garibaldi. Per cause in corso di accertamento sono andati in fumo 60 metri quadrati di tetto, ma fortunatamente non si sono registrati intossicati o feriti e al termine dell’intervento non è stato necessario dichiarare inagibile l’abitazione. L’intensa perturbazione dovrebbe persistere anche nei primi giorni nei quali sono attese anche nevicate in montagna.

LA SALA OPERATIVA della Protezione civile della Regione Lombardia, prevede per oggi tempo ancora perturbato ma con fenomeni decisamente meno intensi, in attenuazione nella notte sui settori orientali. Si conferma una generale diminuzione delle temperature, con quota neve che scenderà fino attorno a 900/1.000 metri. Le schiarite non dureranno però per troppo tempo, la stagione autunnale entrerà nel suo pieno vigore.

Condividi la notizia