Travagliato Odori dalla fonderia Il sindaco invita i vicini ad attendere il fine lavoriTravagliato | Travagliato

Odori dalla fonderia Il sindaco invita i vicini ad attendere il fine lavori

Una manifestazione dei «vicini di casa» della fonderia
Una manifestazione dei «vicini di casa» della fonderia (BATCH)
P.TED. 16.03.2018

«Il problema delle emissioni odorose con cui convivono i residenti attorno alla fonderia Regali mi sta a cuore, ma un’amministrazione comunale non può che seguire la via istituzionale, e cioè rispettare le linee guida regionali in materia di caratterizzazione delle emissioni registrando le segnalazioni dei cittadini che controllano la situazione, e lavorare al tavolo attivato con gli altri enti competenti: Arpa, Provincia e Ats». Il sindaco di Travagliato, Renato Pasinetti, risponde così al comitato «Aria pulita» e a Legambiente che, insieme, nelle ultime ore hanno chiesto un’ordinanza sindacale di fermo dell’attività produttiva in attesa che venga completato l’adeguamento degli impianti. «I dati ufficiali disponibili raccolti dai deposimetri posizionati tempo fa dall’Arpa attorno alla fonderia non hanno evidenziato una presenza di microinquinanti che giustifichi un simile provvedimento - spiega Pasinetti -. Anch’io da anni sono convinto che la soluzione ottimale sarebbe spostare la fonderia altrove; tanto che già durante il mio primo mandato, nel 2013, e poi ancora nel 2015, chiesi ai proprietari se fossero disponibili a insediarsi in un’altra location. La proprietà osservò che spostare l’impianto avrebbe costi enormi e al di fuori della loro portata, nell’ordine dei 35-40 milioni di euro. Così ho contattato alcuni parlamentari europei per capire se fossero disponibili finanziamenti a fondo perduto per portare a termine tale operazione, ma purtroppo l’esito della ricognizione è stato negativo». L’AZIENDA ha comunque deciso di effettuare una serie di significativi investimenti, per circa un milione e mezzo, per ridurre al minimo le emissioni in atmosfera dei propri impianti e ottenere così anche il rinnovo dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) dalla Provincia. Oggi però molti residenti sostengono che la situazione in questi anni non è cambiata e che gli odori continuano. «Chiedo ai cittadini di pazientare ancora almeno fino ai primi di aprile, quando la Regali dovrebbe aver ultimato il posizionamento di una serie di filtri di ultima generazione che, a quanto mi è stato riferito, dovrebbero contribuire in maniera decisiva all’abbattimento degli odori - conclude il sindaco -. Noi intanto continuiamo a vigilare: esigiamo che il problema patito dalle persone venga risolto una volta per tutte».