Spacciatore inossidabile: dai domiciliari al carcere

10.08.2018

Era già agli arresti domiciliari per lo stesso tipo di reato il manerbiese di 38 anni ora in carcere per effetto di un nuovo arresto effettuato dai carabinieri di Orzinuovi. A farlo finire ancora nei guai, e in cella, è stata la sua attività di spacciatore di cocaina che non si era fermata nonostante la condanna incassata. Verificata l’esistenza della presenza di tossicodipendenti attorno alla casa del trafficante, i militari hanno fatto irruzione in contemporanea con l’ingresso di uno di questi, e la perquisizione ha portato al ritrovamento di 25 grammi di coca,di 30 grammi di marijuana e di 330 euro in contanti. Passando da Manerbio a Dello, dai carabinieri della stazione locale arriva la segnalazione di un arresto per evasione. Protagonista un 40enne ai domiciliari per una condanna per estorsione, furto e danneggiamento che se ne andava a spasso sul proprio scooter: quando gli agenti lo hanno bloccato ha spiegato loro che era uscito per il bisogno di liberarsi dalla calura estiva. •