Polo logistico, no grazie
Il Comitato torna in pista

Un rendering del progettato polo logistico
Un rendering del progettato polo logistico (BATCH)
14.06.2017

Il fronte del no non ha cambiato idea, e questa sera, nella cornice del Piccolo Teatro, rilancerà la propria battaglia. È infatti il Comitato civico a organizzare una nuova assemblea pubblica che inizierà alle 20.30 per discutere e rafforzare la campagna di opposizione al progetto che prevede la realizzazio0ne di un polo logistico a Manerbio.

«Siamo sempre più convinti che destinare a un polo logistico un’area equivalente a circa venti campi da calcio voglia dire sacrificare suolo fertile per pochi posti di lavoro dequalificato - dice Elena Ziletti del Comitato -. È inoltre fuorviante spostare la responsabilità sulle precedenti amministrazioni che avevano destinato a industriale quell’area: un conto è la destinazione urbanistica, altra cosa è il progetto che l’attuale giunta sta approvando senza considerare le trasformazioni socioeconomiche avvenute dal 1999 al 2017 e che rendono il progetto inutile».

Per noi, aggiunge la rappresentante degli oppositori, «la rinascita di Manerbio passa da idee come agriturismo biologico, tecnologia avanzata, valorizzazione del patrimonio di storia e di cultura di questa terra».

Condividi la notizia