Scippi e rapine:
anziane nel mirino
dei baby-criminali

Uno scippo ai danni di un’anziana si è registrato a Calcinato, mercoledì in pieno giorno. Venerdì sera una rapina all’uscita da un locale
Uno scippo ai danni di un’anziana si è registrato a Calcinato, mercoledì in pieno giorno. Venerdì sera una rapina all’uscita da un locale
Valentino Rodolfi29.10.2017

Uno scippo in pieno giorno e due rapine notturne, forse compiute dalla stessa persona in una folle serata di scorribande, si registrano sull’asse Lonato-Calcinato.

Nel mirino degli scippatori era finita mercoledì mattina un’anziana signora, assalita in pieno centro a Calcinato da due giovani in motorino.

IL RAPINATORE notturno ha invece agito venerdì notte, per ben due volte in pochi minuti: prima tentando un assalto al bar di una stazione di servizio sulla tangenziale, al confine con Lonato vicino alla galleria San Zeno, dove è stato però respinto dalla reazione del gestore, che ha azionato l’allarme; poi si è trasferito nel paese vicino, dove ha trovato facile preda in due signore che stavano raggiungendo l’auto nel parcheggio dopo aver trascorso la serata in una sala da ballo.

Due di questi tre episodi inquietanti, avvenuti a poche centinaia di metri l’uno dall’altro ma in tempi diversi, hanno squarciato la tranquilla vita di Calcinato.

Mercoledì mattina davanti alla pasticceria Cozzaglio, nella centralissima via XX Settembre, due ragazzi in motorino hanno scippato un’anziana signora fra lo sconcerto dei presenti, alcuni dei quali hanno cercato di soccorrere la vittima, mentre un’altro passante ha provato senza successo a far cadere i ragazzi dallo scooter.

Naturalmente la donna derubata si è subito rivolta ai carabinieri, che hanno mandato due agenti a vigilare sulla sua casa, dal momento che tra gli effetti personali che le erano stati sottratti risultavano, oltre ai documenti, anche le chiavi dell’abitazione.

In seguito, nella notte fra venerdì e sabato, verso l’una, sempre a Calcinato si è consumata una rapina, all’uscita del Salotto del Liscio Capretti, in via Carlo Alberto: il locale è da sempre molto sicuro e tranquillo, e anche nell’area esterna non si erano mai registrati particolari episodi.

MA VENERDÌ SERA era in circolazione un vero e proprio balordo, pronto a tutto e arrabbiato, forse perchè gli era appena andato male un altro tentativo di rapina a Lonato: stando alla descrizione, potrebbe essere lo stesso ragazzo che era appena fuggito dalla stazione di servizio sulla tangenziale di Lonato.

A Calcinato se l’è presa con due donne che, dopo una serata trascorsa a ballare il liscio nel locale, si erano incamminate verso l’automobile posteggiata a ridosso della strada Provinciale 28. A metà tragitto le due signore, non più giovanissime e totalmente inermi, sono state avvicinate dal giovane, arrivato in motorino, con un cappellino calcato sulla testa ma un tatuaggio ben visibile. Armato con un coltellino, le ha seguite fino alla vettura e le ha minacciate, facendosi consegnare la borsetta di una delle due, fuggendo in direzione nord.

È la prima volta che accade qualcosa del genere nei pressi di un locale frequentato da una clientela per lo più della terza età. Anche su questo caso indagano i carabinieri.

Condividi la notizia