Il calcio a cinque stelle Arriva un nuovo fondo per il «Vincenzo Bianchi»

Calcinato: l’aspetto attuale del campo del Vicenzo Bianchi
Calcinato: l’aspetto attuale del campo del Vicenzo Bianchi
F.MAR. 19.08.2018

Si sta per aprire una nuova pagina per gli impianti agonistici di Calcinato: succederà a settembre, quando nel Centro sportivo «Vincenzo Bianchi» di via Stazione prenderanno il via i lavori per la riqualificazione del campo da calcio, che già oggi ha un fondo in erba sintetica e che verrà migliorato. L’annuncio arriva dal vicesindaco Alberto Bertagna, che è anche assessore allo Sport e alle Politiche educative e che presenta anche altre iniziative in questo campo. «Dalla prossima stagione, a cantieri chiusi, il campo potrà essere utilizzato dall’Unione sportiva Calcinato - ricorda Bertagna -, ma anche dalle squadre degli amatori e del Centro sportivo italiano». Il manto d’usura sarà rifatto con un intervento definito ecologico destinato a migliorare la convivenza con i materiali sintetici, e per questa operazione, l’ente locale spenderà complessivamente 300 mila euro ottenendo grazie al rifacimento della struttura anche l’omologazione dell’impianto. «Abbiamo anche avviato un percorso con le società sportive, e pure con i volontari e gli educatori sportivi - prosegue l’assessore - per favorire la nascita di un rapporto propositivo con i ragazzi e per una gestione saggia, non solo agonistica ma anche formativa, dei piccoli atleti che praticano discipline nelle diverse società del paese. Questo avviene attraverso l’assessorato e anche in sinergia con il Progetto Generazioni. Abbiamo poi attivato un percorso che vuole aiutare le famiglie a far parte di questo tavolo, perché da un rapporto produttivo tra società agonistiche e genitori può nascere qualcosa di significativo per i ragazzi. Una riunione è già stata fatta e un’altra la terremo prossimamente». ACCANTO a queste iniziative c’è poi un tentativo di potenziamento dei servizi scolastici esistenti: «Il Comune, come tutti gli enti locali, deve fare i conti con le ristrette economie di cui dispone dopo i tagli dello Stato - ricorda il vicensindaco -, ma la scuola, in ogni caso, rimane per noi un punto saldo. Per questo motivo saranno incentivati i servizi scolastici relativamente agli insegnanti di sostegno. I ragazzini diversamente abili aumentano e la scuola deve saper gestire al meglio qualunque situazione personale si presenti. Così sarà incrementato il monte ore degli insegnanti che avranno perciò più tempo a disposizione per seguire i bambini problematici».