Omicidio Macchi:
ergastolo all'ex
compagno di scuola

Stefano Binda
Stefano Binda
24.04.2018

È stato condannato all'ergastolo Stefano Binda, 50enne di Brebbia, per l'omicidio di Lidia Macchi, la studentessa di Varese uccisa con 29 coltellate il 5 gennaio del 1987 nel bosco di Cittiglio.

Il 15 gennaio 2016 Binda, ex compagno di liceo della vittima, è stato arrestato perché identificato come l'autore di una lettera anonima recapitata a casa dei familiari di Lidia il giorno dei suoi funerali. La busta conteneva una poesia scritta a mano, che descriveva passo passo tutte le fasi del delitto.

L'uomo è stato interdetto dai pubblici uffici e condannato a pagare anche una provvisionale di 200mila euro per la madre della ragazza e di 80mila euro ciascuno per la sorella e il fratello. A leggere la sentenza della Corte d'Assise di Varese, arrivata dopo oltre tre ore di camera di consiglio, è stato il giudice Orazio Moscato, che ha escluso le aggravanti per futili motivi e abietti.