Rugby Patarò Calvisano, c’è la «solita» rivoluzioneRugby | Rugby

Patarò Calvisano, c’è la «solita» rivoluzione

Kayle Van Zyl: dal biancazzurro del San Donà andrà ad indossare il giallonero del Patarò Calvisano
Kayle Van Zyl: dal biancazzurro del San Donà andrà ad indossare il giallonero del Patarò Calvisano
Andrea Dimasi 17.06.2018

Cancellata la delusione per il ko nella finale scudetto, il Patarò Calvisano si è definitivamente lasciato alle spalle l’ultima stagione e ha tagliato il nastro di quella che verrà nella quale, a tenere testa in questo mese di pausa, è soprattutto il mercato. Se i campi del centro sportivo di via San Michele hanno lasciato spazio ai camp estivi riservati ai più piccoli, nel quartier generale giallonero sono soprattutto le trattative ad aver conquistato la scena, con il presidente Alessandro Vaccari e il suo staff che si sono messi subito al lavoro per allestire la nuova squadra. LA STRATEGIA è quella degli anni scorsi: il piano della società è infatti quello di coprire nel migliore dei modi il buco lasciato vuoto da nove-dieci pedine per i tanti partenti che in queste settimane hanno svuotato il loro armadietto. Direzione Zebre, si sono congedati ufficialmente Rimpelli, Fischetti, Zilocchi e Tuivaiti, mentre Pettinelli ha imboccato direzione est, dove si è accasato alla Benetton; Novillo, Paz e Tuimavave hanno fatto rientro in patria, e hanno salutato in cerca di sistemazione anche Mortali e Giovanchelli. Dal punto di vista degli ingressi, nonostante i contratti non siano ancora stati depositati, appare ormai chiaro quali saranno i nomi sui quali Morelli e compagni faranno affidamento nella prossima stagione. I fiori all’occhiello del mercato estivo giallonero sono senza dubbio i sudafricani Kayle Van Zyl e Michael Van Vuren, rispettivamente ala e seconda linea, in arrivo da San Donà con il compito di portare talento ed equilibrio nei rispettivi reparti. Nel roster a disposizione di Massimo Brunello c’è però posto anche per giovani italiani, da sempre identikit di riferimento per gli operatori di mercato gialloneri, che hanno già bloccato gli arrivi del centro Damiano Mazza e della terza linea Antoine Koffi, tutti e due reduci dall’esperienza con l’Accademia Ivan Francescato; Gianmario Ferrari e Carlo Amadei, che nel corso dell’ultimo campionato hanno invece militato nell’under 18 contribu- endo in modo netto alla promozione della formazione cadetta in serie C1, sono stati invece promossi in prima squadra. Nello scacchiere restano scoperti due ruoli di primaria importanza: mediano d’apertura e terza centro. Sul taccuino del presidente Vaccari sono tanti i nomi da valutare ma, per certo, al momento si sa che saranno due stranieri, possibilmente in arrivo dall’Oceania, a sostituire le dolorose partenze in quei ruoli di Novillo e Tuivaiti. «MANCA ANCORA qualche tassello ma la squadra è ormai fatta – è proprio il commento del massimo dirigente di Calvisano -. Crediamo di aver allestito il miglior roster possibile che ci possa riportare a vincere lo scudetto. Non è mai facile sostituire ogni anno nomi di un certo calibro, ma riteniamo di aver fatto affidamento su uomini di esperienza, capaci di portare qui equilibrio e determinazione». La prima campanella della nuova stagione dovrebbe suonare l’ultima settimana di luglio, con Morelli e compagni che si sottoporranno alle visite mediche e ai test fisici e poi, dopo una breve pausa a Ferragosto, torneranno in campo per la vera e propria preparazione. •