Calvisano inizia il «tour de force» per il primato

Jimmy Tuivaiti e il Calvisano puntano alla quarta vittoria consecutiva in Eccellenza FOTOLIVE
Jimmy Tuivaiti e il Calvisano puntano alla quarta vittoria consecutiva in Eccellenza FOTOLIVE
Andrea Dimasi29.10.2017

Archiviato con fortune alterne il doppio impegno europeo in Continental Shield, il Patarò Calvisano di Massimo Brunello si rituffa nella realtà del campionato e riprende la sua corsa verso un nuovo scudetto ospitando al Pata Stadium il Petrarca Padova.

Quello contro la forte formazione veneta è il big-match del quarto turno stagionale d’Eccellenza ma, allo stesso tempo, sarà la sfida che inaugurerà il piccolo «tour de force» che attende i campioni d’Italia da qui al turno di pausa, in programma nell’ultimo week-end di novembre. Morelli e compagni saranno infatti chiamati ad affrontare in serie Petrarca, Viadana, San Donà e Rovigo. Ovvero le quattro squadre che occupano la classifica dal secondo al quinto posto, alle spalle di un Calvisano sempre più padrone in patria ma che dovrà confermare in questi scontri diretti tutta la propria qualità.

La sconfitta subita ad Heidelberg due settimane fa aveva fatto vacillare le convinzioni di un gruppo che, da un anno a questa parte, si credeva invincibile. Il seguente successo contro Viadana, invece, ha ristabilito l’ordine dalle parti di via San Michele, con i gialloneri che proprio contro i rivali mantovani sono tornati a essere la macchina perfetta plasmata da coach Brunello e dal suo staff.

OGGI, in occasione del delicato match contro il Petrarca, il tecnico rodigino chiede ai suoi uomini un passo in avanti sul piano del gioco e della tenuta. La sfida ai bianconeri dei colli Euganei, oltre ad essere una delle partite più entusiasmanti del nostro rugby, è anche uno di quelli incontri da prendere con le pinze. Nel campionato scorso, Padova aveva vestito a lungo i panni dell’anti-Calvisano, rincorrendo il Patarò per tutto il corso della regular season e chiudendo la prima fase di stagione proprio alle spalle di Novillo e soci, pur uscendo sconfitta sia nel girone d’andata – quando proprio al Pata Stadium i gialloneri archiviarono il giro di boa con nove successi su nove -, che in quello di ritorno. Ai play-off da candidato numero uno per contendersi il tricolore con i gialloneri, il Petrarca è poi crollato contro il Rovigo più debole degli ultimi anni, vanificando così una stagione fino a quel momento quasi impeccabile. In estate la guida tecnica della squadra è passata dalle mani dell’ex Calvisano Andrea Cavinato a quelle di Andrea Marcato. In sede di trasferimenti i padovani si sono rinforzati soprattutto nel pacchetto avanzato, confermando la grande voglia di tornare a mettere le mani sullo scudetto. Dal canto loro i campioni d’Italia tornano ad affidarsi alla velocità d’esecuzione della loro trequarti che tanto di buono ha fatto fin qui, ma contro una squadra fisicamente superiore, la chiave di lettura della gara dovrebbe essere racchiusa nelle fasi statiche dell’incontro.

NEL QUINDICI anti-Padova disegnato dall’allenatore, restano ancora ai box Andreotti, Lucchin e Mortali. Nei trequarti nuova conferma a estremo per Alberto Chiesa, con inserimento di Marco Susio all’ala. In avanti si rivede il rientrante Morelli, che farà tallonatore «accerchiato» da Leso e da Fischetti, alla grande chance da titolare. Kick-off alle 15, arbitrerà l’incontro il ferrarese Elia Rizzo.

Condividi la notizia