Botticino e Rovato non si fermano: prove di cavalcata

06.11.2017

Prosegue senza sosta il passo di marcia di Botticino e Rovato. Al comando dei rispettivi gironi, i verdeblù di Bonaldo e Torri espugnano Desenzano impiegando appena un tempo e rientrano dal Garda con la quinta vittoria stagionale e il punto bonus; i rossoblù di Daniele Porrino si confermano invece micidiali in termini di punti a referto e stendono i Chicken di Rozzano sotto il peso di dieci mete. Nessun problema, infatti, per Bergamo e compagni, che, a differenza delle ultime uscite, non si concedono nemmeno un minuto di calo fisico.

NEL GIRONE B, quello dei sei club bresciani, è una domenica positiva per Franciacorta e Bassa Bresciana. Impegnata sul campo di Ospitaletto, la franchigia di Alex Geddo e il Borgo Fiumicello danno vita a uno dei match più belli della stagione: avvio positivo per i gialloarancio di coach Molinari, che si confermano ancora una volta una delle formazioni più solide della categoria, capaci di portarsi sul 12-0 e di andare al riposo sul +5. Nella ripresa arriva però la reazione dei bianconeri di casa, che con una doppia marcatura si portano avanti di una lunghezza e fanno loro il match. La Bassa di coach Bargnani, invece, non concede scherzi e batte come da programma il fanalino di coda Cus Brescia, bloccato ancora a quota 0 punti. Match sempre nelle mani dei lenesi abili, complice una doppietta del tallonatore Azizan, a marcare 19 punti per tempo e a trovare un successo condito dal bonus che permette a Sangregorio e soci di agganciare proprio il Franciacorta al secondo posto della graduatoria.

IN SERIE C2 si segnalano successi importanti per College Club e formazione cadetta del Calvisano. Gli uomini di Giorgio Rigosa salgono sugli scudi e schiantano un Valle Camonica ormai in crisi di gioco e di risultati: sono otto le mete realizzate da Bignotti e compagni al Bruno Menta, e per i cittadini arriva il successo del rilancio in classifica; le giovani leve di Massimo Borra, invece, partono male sul campo dell’Orobic, finendo sotto 15-5. A metà ripresa arriva però la reazione dei piccoli gialloneri, capaci di ribaltare l’equilibrio, far loro il big-match per i gradini alti della classifica e di inviare un importante segnale di forza a tutta la categoria. Infine, giornata da dimenticare per l’altra cadetta del girone, quella del Cus Brescia, che sul campo mantovano di Casalmoro si arrende senza attenuanti al forte Rugby del Chiese.AN.DI.

Condividi la notizia