Porsche Supercup: Cerqui centra il podio «rookie»

Alberto Cerqui: ottavo
Alberto Cerqui: ottavo
FA.PET. 14.05.2018

Esordio positivo per Alberto Cerqui nel mondiale targato Porsche Supercup. Il pilota bresciano ha infatti conquistato l'ottavo posto assoluto chiudendo la prima prova del campionato dedicato alle vetture della casa di Stoccarda con il podio nella categoria rookie. Un weekend da protagonista quello del driver del team Dinamic Motorsport sul tracciato di Barcellona in Spagna. Al ritorno nelle competizioni iridate e nel primo appuntamento del calendario Alberto Cerqui ha saputo fare la voce grossa nel mare di campioni della Porsche Supercup. «Sono molto contento per il risultato raggiunto, davvero un inizio spettacolare - ha ammesso Alberto Cerqui al termine della gara-. Non ero più abituato ad affrontare prove e soprattutto gare così tirate. In questa categoria non puoi permetterti il minimo errore, devi sempre guidare al limite per poter ottenere dei buoni piazzamenti». Un debutto da mettere in cassaforte con il sorriso sulle labbra per il pilota di Preseglie, veloce sin dalle prime prove di venerdì. Sensazioni positive riscontrate anche nel cronometro del sabato con le qualifiche ufficiali concluse in nona posizione e soprattutto per l'ottava piazza ottenuta in gara grazie ad alcuni sorpassi che hanno infiammato il pubblico spagnolo. «Essere nella top ten alla prima gara rappresenta un traguardo importante. Prendo questo ottavo posto come un trampolino di lancio per il proseguo della mia stagione. Ogni chilometro che percorro è un passo in avanti per la confidenza con la vettura e con questo campionato molto agguerrito». I pensieri di Alberto Cerqui corrono veloci come i giri in gara al prossimo appuntamento del calendario: il gran premio di Montecarlo fissato per domenica 27 maggio. «Non vedo l'ora di assaporare il dolce gusto dell'atmosfera di uno dei gran premi più famosi al mondo. Sarà una sfida guidare tra le strade del principato - chiosa Alberto Cerqui -. Prendiamo questo piazzamento come monito per arrivare tra due settimane ancora più carichi». • © RIPRODUZIONE RISERVATA