La Centrale Sferc va sul sicuro

Da sinistra Alessandro Bellucci, Enrico Statuto e Simone Tiberti
Da sinistra Alessandro Bellucci, Enrico Statuto e Simone Tiberti
Vincenzo Spinoso 30.08.2018

La Centrale Sferc McDonald’s Brescia ha definito una nuova collaborazione. Il «tempio» del sudore di Cisolla e compagni per la quinta stagione consecutiva in serie A2 saranno le Palestre Olimpic di viale Piave, il cui titolare Luciano Varoli commenta l’accordo con particolare piacere, visto il passato da pallavolista ed una passione che non è mai scemata: «Il fatto che l’Atlantide abbia scelto noi rappresenta una novità molto piacevole. Nella mia carriera da giocatore ero un palleggiatore, e non ho mai dimenticato l’amore per la pallavolo». Da allenatore, Luciano Varoli ha guidato tra le altre Travagliato, Ospitaletto, Mir Brescia e Libertas Tepa Sport Brescia, con la quale ha prima conquistato e poi affrontato il campionato della massima serie. L’annuncio della nuova collaborazione fa da cornice ad una panoramica sui registi della squadra bresciana, considerati i cambiamenti attuati rispetto alla scorsa stagione. Dopo aver confermato il capitano Simone Tiberti, infatti, il sodalizio bresciano si è assicurato il volto nuovo di Alessandro Bellucci, il cui passato recente fa di lui una vera e propria potenziale sorpresa del panorama pallavolistico. Bellucci, originario di Urbino, classe ’97, comincia a giocare nel ruolo di banda a 11 anni, per poi essere spostato in regia a 15 nella Virtus Fano in serie C. Il cambiamento tattico lo porta, tra l’altro, a prendere un volo per Reggio Calabria per affrontare il campionato di serie B nel Jolli Cinquefrondi inizialmente alle spalle di Victor Lomuto, al quale Alessandro scippa il posto a metà stagione, portando la squadra fino alle finali play-off. Dunque solo il campo dirà se l’ascesa del palleggiatore romagnolo è destinata a continuare. Lui, certamente, è gasato a mille: «Cerco di superare ogni giorno i miei limiti, come ho sempre fatto negli ultimi anni. Cerco di essere imprevedibile, sia sotto rete sia dai 9 metri, visto che la battuta è uno dei miei punti di forza». IL TITOLARE RESTA Simone Tiberti, mentre Enrico Statuto, dopo tre anni da vice e la parentesi da titolare coincisa con l’infortunio proprio di Tiberti, farà un passo indietro a livello di categoria per poter continuare a crescere: «Abbiamo concordato con la società che sarò aggregato alla serie C per aumentare i minuti in campo e responsabilizzarmi – confida il palleggiatore classe ’99 -. In ogni caso sarò sempre a disposizione per dare una mano alla prima squadra». Il fatto di avere sotto di sé un giocatore rampante come Bellucci non preoccupa affatto Tiberti che, anzi, ha una visione benaugurante: «Penso che siamo mediamente più esperti dell’anno scorso. Se Alessandro dovesse sostituirmi sul 22 pari per poi vincere il set sarei solo contento». • © RIPRODUZIONE RISERVATA