La Centrale cerca il poker contro la regina

Roberto Zambonardi, allenatore della Centrale Mc Donald’sSimone Tiberti, 37 anni, palleggiatore della Centrale McDonald’s
Roberto Zambonardi, allenatore della Centrale Mc Donald’sSimone Tiberti, 37 anni, palleggiatore della Centrale McDonald’s
Salvatore Messineo01.11.2017

Tre giorni dopo la bella e importante vittoria di Gioia del Colle, la terza consecutiva, la Centrale McDonald’s cerca oggi (ore 18 al PalaSanFilippo, ottava giornata) il poker contro la capolista Maury’s Tuscania, in serie positiva da ben 4 giornate (l’ultima sconfitta a Bergamo contro il Caloni Agnelli).

Sarà una partita difficile e allo stesso tempo spettacolare, che Brescia dovrà cercare di vincere non solo per continuare a sognare, ma anche per rimanere tra le prime 4 della classifica del girone Blu della serie A2 maschile: «Sappiamo che incontriamo una squadra completa sotto ogni punto di vista - dice Roberto Zambonardi, tecnico della Centrale McDonald’s - e che ci aspetta una gara ardua. Il Tuscania ha ottimi giocatori a cominciare da Matej Cernic, in grado di assicurare equilibrio alla squadra».

GLI OTTIMI GIOCATORI non mancano neppure al Brescia a cominciare dal trio Tiberti-Bellei-Cisolla in grado di caricarsi sulle spalle la squadra nei momenti di difficoltà: «Stiamo lavorando bene e abbiamo dalla nostra l’entusiasmo degli ultimi risultati positivi - spiega il tecnico bresciano -. Conosciamo i nostri punti di forza e le nostre capacità, ma in questa occasione il nostro unico cruccio è il poco tempo avuto a disposizione per preparare la partita, visto che siamo tornati dalla trasferta di Gioia del Colle solo lunedì pomeriggio. Mi aspetto comunque il pubblico delle grandi occasioni visto la classifica delle due squadre. Sono certo che si vedrà un’ottima pallavolo».

Brescia insomma proverà a fare uno scherzetto ai laziali (il conto tra le due squadre è in parità con 2 vittorie a testa) che hanno ultimamente trovato il giusto assetto di squadra con Pedron in cabina di regia e lo statunitense Mochalski opposto, Calonico e Festi oppure il più esperto Piscopo al centro, l’ucraino Shavrak e il goriziano Cernic in banda, Bonami e Sorgente nel ruolo di libero con alla guida tecnica Paolo Montagnani, ex palleggiatore e poi allenatore di tante formazioni anche in serie A1.

LA CENTRALE MCDONALD’S opporrà invece Tiberti in regia e Belli opposto, Cisolla e Margutti o Mazzon in banda, Esposito e Codarin al centro, Fusco libero: «Ci troveremo di fronte una formazione alta (198 centimetri l’altezza media) e potente – dice Zambonardi -, ma anche i nostri avversari hanno punti deboli, che dobbiamo cercare di sfruttare».

Uno potrebbe essere la ricezione e dunque sarà importante battere bene e soprattutto in modo preciso in modo da evitare quanto più possibile Cernic. Per il match odierno poi sarà allestito all’interno del palazzetto un angolo espositivo dedicato al progetto «Cuore Atlantide» che ospiterà l’Ant, l’Associazione nazionale tumori.

Condividi la notizia