L’An Brescia non sbaglia: l’Europa è ancora felice

La rete realizzata da Christian PresciuttiMarco Del Lungo para il rigore a SanahujaI giocatori dell’An Brescia alla pasticceria BresciadueValentino Gallo: esordio con gol nella piscina di Mompiano con l’An Brescia FOTOLIVE/Filippo Venezia
La rete realizzata da Christian PresciuttiMarco Del Lungo para il rigore a SanahujaI giocatori dell’An Brescia alla pasticceria BresciadueValentino Gallo: esordio con gol nella piscina di Mompiano con l’An Brescia FOTOLIVE/Filippo Venezia
Fabrizio Vertua 07.10.2018

Buona la prima in casa per l’An Brescia che doppia il Terrassa. Contro un avversario comunque di livello rispetto a quelli incontrati fino ad ora, il sette bresciano fatica e non poco, ma riesce ad ottenere il successo necessario per andare mercoledì prossimo a giocare il ritorno in Spagna con relativa serenità. Alla fine, la maggior qualità e la capacità di gestire situazioni di un certo tipo è venuta fuori, favorendo le calottine di casa, segnale positivo come la capacità di saper soffrire e tenere botta contro una formazione dalla condizione atletica certamente migliore. Valore aggiunto di questa squadra, sicuramente, sono i due nuovi acquisti, che hanno avuto modo di farsi apprezzare dal pubblico della Comunale di Mompiano e non solamente per le quattro reti (tre Figlioli e una Gallo) di grande fattura. LA GARA COMINCIA subito a ritmi alti, ma è anche ricca di errori da ambo le parti. E da un’incomprensione fra Del Lungo e Janovic nasce la controfuga che manda in rete Mora. La replica dell’An Brescia è immediata e porta la firma del capitano del Settebello Figlioli, implacabile dalla distanza e con l’uomo in più. Ma sono ancora gli iberici a portarsi in avanti con Sanchez, lasciato colpevolmente libero sui due metri dai difensori di casa. Fatica l’An Brescia a concretizzare il proprio gioco, mentre gli ospiti potrebbero allungare su rigore causato da Rizzo. Sanahulja cerca l’angolino basso a sinistra di Del Lungo che ci mette la sua manona e neutralizza suscitando applausi scroscianti. Sul ribaltamento di fronte è Nicholas Presciutti a sfruttare al meglio la superiorità numerica e a scagliare in porta pallone e portiere avversario per il pareggio. Nella seconda ripresa l’An Brescia mette la freccia e supera gli spagnoli con Rizzo; il Terrassa pareggia però immediatamente grazie ad Alarcon, anche lui a finalizzare l’uomo in più in vasca per i suoi. AL CAMBIO di panchine è ancora Brescia a partire forte, affidandosi ad un autentico siluro di Figlioli che non lascia scampo ad Aguilar. A tentare la prima fuga per i padroni di casa è il mancino Gallo, con un gol da posizione defilata e la sfera a farsi largo fra una foresta di mani, prima di gonfiare la rete. È il gol che scioglie finalmente la tensione e lascia nelle mani di capitan Presciutti la controfuga del +3. L’ultimo quarto si apre con la rete dell’altro Presciutti, Nicholas, che sfrutta al meglio l’uomo in più in vasca. Anche il Terrassa perviene alla rete con Mora dopo oltre dieci minuti di digiuno. Ma è ancora Figlioli a mettere il proprio sigillo con la terza cannonata della serata ad abbattere letteralmente la porta dei catalani: è la firma sulla vittoria. • © RIPRODUZIONE RISERVATA