Feralpisalò con un
primato: nessuno
col poker di vittorie

Domenico Toscano, 47 anni: è l’allenatore della FeralpisalòLa gioia di Pasquale Maiorino, 29 anni, dopo il gol all’AlbinoLeffe: per la Feralpisalò un’altra vittoria
Domenico Toscano, 47 anni: è l’allenatore della FeralpisalòLa gioia di Pasquale Maiorino, 29 anni, dopo il gol all’AlbinoLeffe: per la Feralpisalò un’altra vittoria
Sergio Zanca 11.02.2019

Quattro vittorie consecutive! La Feralpisalò è la prima squadra del girone B a essere riuscita nell’impresa. Molte si sono fermate a 3, ma nessuna aveva ancora messo sul tavolo il poker. E domani sera, a Rimini, i gardesani vanno a caccia della cinquina. I verde blu del presidente Giuseppe Pasini hanno battuto nell’ordine la Ternana di Alessandro Calori (3-2), il Vicenza dell’ex Michele Serena al «Romeo Menti» (2-1), il Teramo in Abruzzo (2-1) e l’AlbinoLeffe di Michele Marcolini, ex giocatore e allenatore del Lumezzane (1-0), formazione quanto mai combattiva e intraprendente nonostante l’ultimo posto in classifica. Domenico Toscano ha uguagliato il record stabilito da Aimo Diana, che, appena subentrato a Serena, aveva inanellato questa serie: l’8 novembre 2015 il roboante 5-1 rifilato proprio all’AlbinoLeffe a Bergamo (a segno Maracchi, doppietta, Bracaletti, Romero e Greco), poi il 2-1 nel derby col Lumezzane (gol di Tortori e Settembrini), il 2-1 di Mantova (Bracaletti, Romero) e il 2-1 col Pordenone (Allievi, Romero). ADESSO LA FERALPISALÒ ha la possibilità di raggiungere il pokerissimo, stabilito da Claudio Rastelli, ma in C2, nelle ultime giornate del campionato che avrebbe consentito di conquistare la promozione. Il 10 aprile 2011 Meloni, Leonarduzzi e Bracaletti hanno firmato il 3-1 di Lecco. Quindi il 2-1 con la Pro Patria (rigore di Bracaletti, Meloni), l’1-0 di Savona (Meloni), il 2-1 con la Sambonifacese (rigore di Bracaletti, Graziani) e il 2-1 di Valenza Po (Graziani, Leonarduzzi). Questo è il primato assoluto dei gardesani nei 10 anni tra i professionisti. L’altra curiosità è rappresentata dal fatto che la Feralpisalò sta diventando una cooperativa del gol. Maiorino, autore del guizzo decisivo con l’AlbinoLeffe, è il 12° calciatore andato a segno, dopo Caracciolo e Scarsella (7 a testa), Ferretti, Guerra (3), Pesce (2), Parodi, Mattia Marchi, Vita, Paolo Marchi, Legati e Guidetti. Soltanto Monza, Teramo e Vicenza hanno distribuito le loro prodezze su 13 elementi. L’ANNO SCORSO Guerra è stato il protagonista assoluto, con 21 reti, su un totale di 57. In questo campionato, invece, tutti vanno al tiro in maniera pericolosa. Non c’è più lo stoccatore unico, il perno di riferimento d’area, ma esistono tante alternative. Lo stesso Caracciolo, che sarebbe la torre di riferimento, svaria sulle fasce, partecipando alla manovra collettiva. Da notare che stanno assumendo un peso decisivo le conclusioni da lontano, con fiondate perentorie, che sorprendono i portieri avversari. Toscano può disporre di giocatori che si inseriscono con buona scelta di tempo (il caso di Scarsella o dei difensori) e di stoccatori capaci di lasciare il segno con rasoiate da lontano (Pesce, Maiorino). Bisognerebbe migliorare sulle punizioni, quasi mai pericolose. A 13 giornate dal termine del campionato, la Feralpisalò è quarta a una lunghezza dall’Imolese, a 3 dalla Triestina e a 10 dalla capolista Pordenone, che pare irraggiungibile: «Non vogliamo guardare troppo in alto né troppo lontano - hanno detto sia Toscano che il portiere Victor De Lucia -, ma puntare la squadra che ci sta più vicino, e cercare di superarla». L’obiettivo è di salire il più in alto possibile, così da non entrare subito nei play-off, come capitato l’anno scorso, ma di riposare per qualche giorno, prima di affrontare le battaglie determinanti. • © RIPRODUZIONE RISERVATA