Cellino il primo
colpo «Bisoli
resta al Brescia»

Massimo Cellino, 61 anni, proprietario del Brescia: sta cercando rinforzi per rendere competitiva la rosaDimitri Bisoli, 23 anni, esulta dopo il gol segnato in Coppa Italia contro il Pescara.
Massimo Cellino, 61 anni, proprietario del Brescia: sta cercando rinforzi per rendere competitiva la rosaDimitri Bisoli, 23 anni, esulta dopo il gol segnato in Coppa Italia contro il Pescara. (BATCH)
Vincenzo Corbetta17.08.2017

Non oggi, ma domani. Venerdì 18 agosto 2017 sarà una data da ricordare, il primo giorno di Massimo Cellino a Brescia: «Il giorno è quello», conferma il diretto interessato.

Nella giornata odierna il nuovo proprietario biancazzurro sarà nei suoi uffici di Milano: «Ho altre faccende da sbrigare - premette -, ma certo gran parte del mio tempo lo dedicherò al calciomercato. Il tempo stringe».

A Milano ci saranno anche l’amministratore delegato Rinaldo Sagramola e il direttore sportivo Renzo Castagnini. Sarà un vero e proprio summit, ma dalle parole nelle intenzioni di Cellino si dovrà passare immediatamente ai fatti. All’inizio del campionato mancano soltanto una decina di giorni. Sabato 26 c’è il debutto ad Avellino, che proprio ieri è riuscito a strappare il «sì» del Genoa per il prestito di Leonardo Morosini, uno degli obiettivi di mercato biancazzurri.

IN ATTESA di mettere nero su bianco qualche affare in entrata, Cellino blinda Dimitri Bisoli, che nelle ultime ore sembrava vicinissimo al Cagliari: «Se nella mia squadra c’è un giocatore bravo, con me non parte - le parole dell’imprenditore sardo -. Bisogna metterselo in testa: il Brescia ha bisogno di acquistare, chi è importante non se ne va. Quindi ve lo posso dire: Bisoli per quest’anno non va da nessuna parte, ci mancherebbe altro».

Per il centrocampista del ’94, dunque, niente Cagliari sulle orme di papà Pierpaolo, allenatore del Padova, che in rossoblù ai tempi di Cellino presidente ha giocato per 6 stagioni (dal ’91 al ’97: 164 presenze e 5 gol) e allenato nel 2010, esperienza burrascosa interrotta dall’esonero nel mese di novembre.

Ma «blindare» il giocatore che ha più mercato in questo momento evidentemente non basta al Brescia. Cellino lo sa bene. Servono rinforzi se si vuole costruire una rosa che non si accontenti più, come nelle ultime stagioni, della salvezza: «Sentite, la vecchia società ha fatto un buon lavoro di risanamento. Ma ora c’è bisogno di ricostruire, di cambiare marcia. Certo, è più difficile di quel che pensassi».

Più difficile significa accordi presi da tempo e disattesi e un mercato sempre più complesso. Ma nei prossimi giorni qualcosa si dovrà fare: «Intanto manderemo 4-5 dei nostri giovani a farsi le ossa altrove, ma a questa squadra servono altrettanti innesti di qualità ed esperienza. Ho visto le partite di Coppa Italiacontro Padova e Pescara; mi sembra che i problemi siano evidenti. Ci stiamo lavorando. Ripeto: pensavo fosse più semplice ma prendere delle scuse è inutile, soprattutto deleterio. È il momento del fare, il Brescia ha bisogno di giocatori».

E cosa farà, non solo sul mercato, Cellino lo spiegherà domani: «Ho intenzione di incontrare voi giornalisti per parlare del futuro, di cosa intendo fare per il Brescia».

E alla notazione che se la trattativa si fosse chiusa prima, come era possibile, anche acquistare giocatori sarebbe stato meno difficile, l’ex presidente del Cagliari risponde così: «Inutile parlare del passato. A parte che non mi interessa e poi non voglio creare alibi a nessuno, soprattutto a me stesso. Siamo in ballo? E allora balliamo».

CHI NON TRABALLA, al momento, è Roberto Boscaglia: «Una sorpresa davvero piacevole finora», ammette Cellino che ne rinsalda la posizione. Nella giornata di ferragosto radiomercato ha rilanciato un ritorno di fiamma del patron biancazzurro per Massimo Oddo: «In questi giorni sono isolato da tutto, non ho informazioni di alcun genere e non ne voglio avere. Ma vi posso dire che Boscaglia sta andando benone, davvero bravo: finchè va avanti così, nessun problema».

Dunque, non resta che aspettare le prossime ore. Oggi Cellino cercherà di porre le basi per qualche innesto e domani si presenterà a Brescia per la prima volta. Possibile che presenzi anche all’amichevole di sabato contro il Ciliverghe. Non resta che aspettare.

CORRELATI
Condividi la notizia