Germani per fare la storia:
sarà mezzogiorno di fuoco

Luca Vitali: il play-maker della Germani è uno degli assoluti protagonisti del campionato
Luca Vitali: il play-maker della Germani è uno degli assoluti protagonisti del campionato
Alberto Banzola05.11.2017

La Germani Brescia si prepara a scrivere la storia. Nel «lunch-match» delle 12 al PalaGeorge la capolista imbattuta della serie A ospiterà Reggio Emilia con l’obiettivo di continuare una magnifica cavalcata che l’ha portata a superare nell’ordine Pesaro, Avellino, Trento, Varese e Brindisi. Dopo la sfida contro i pugliesi i biancazzurri si preparano ad affrontare la seconda sfida testa-coda consecutiva. Brescia contro Reggio Emilia (gara che Eurosport 2 trasmetterà in diretta, come accadrà tra due settimane in occasione della sfida casalinga contro Capo d’Orlando) sarà anche la sfida tra le due sorprese agli antipodi della stagione 2017/2018.

Qualche cerotto per Brescia che sarà in campo senza Traini, fermo anche nell’allenamento di ieri, e che se andrà in panchina lo farà ad onor di firma, mentre coach Diana ha recuperato tutti gli acciacchi dei vari Moore, Moss e Hunt, tutti e tre abili ed arruolati. E carichi: perché l’ambiente della Leonessa, dal primo giocatore all’ultimo degli appassionati, aspetta la gara di oggi con un certo ottimismo, ma soprattutto con la voglia di fare la storia, migliorando la performance della stagione 1980/1981 (iniziata con 5 vittorie di fila) e rincorrendo il record delle 10 vittorie in fila della stagione 2014/2015.

COACH ANDREA DIANA non è tranquillo, e anzi sprona tutti alla massima attenzione: «Ci sarà da battagliare oggi, perché Reggio Emilia non vorrà assolutamente perdere un’altra partita». L’allenatore livornese spiega quello che bisognerà fare in campo: «Partiamo da un presupposto: Reggio Emilia può vantare nel suo organico giocatori di un certo rilievo. Penso a Della Valle, Markoshvili, Wright, Reynolds: tutti elementi di punta. L’importante è non stare ad aspettare la partita ma imporre il nostro ritmo e affidarsi alla difesa che sta pagando ottimi dividendi». Nella sua retroguardia l’allenatore livornese trova anche due falle da aggiustare: «Sulla transizione e sul contropiede dobbiamo sicuramente migliorare; oggi per fare la differenza, dovremo mostrarci più capaci del solito».

REDUCE dallo stop infrasettimanale interno di Eurocup contro l’Hapoel Gerusalemme (61-63), la squadra di coach Menetti si presenta a ranghi ridotti, vista l’assenza di Garrett Nevells, infortunatosi proprio contro gli israeliani in settimana. Una defezione importante nella cornice di una partita che potrebbe essere ancor più in discesa. O le insidie sono ancora maggiori? «L’errore più grande che potremmo fare è quello di guardare la classifica e pensare che sarà una partita facile. Mi aspetto una sfida molto tosta: noi però giochiamo in casa e vogliamo imporre il nostro il nostro gioco e la nostra aggressività per conquistare la vittoria e regalare altre soddisfazioni ai tifosi».

Diana spiega anche che tipo di Leonessa ci si potrà attendere oggi: «Abbiamo lavorato duramente per riuscire ad impostare e giocare un’altra partita di ottimo livello come nelle 5 partite precedenti».

E mentre il patron Matteo Bonetti lancia messaggi via facebook, Diana carica ulteriormente l’ambiente: «Attendo un PalaGeorge esaurito, carico di entusiasmo e pronto a spingere la squadra a raggiungere un’altra vittoria». Che, in ordine cronologico, sarebbe la sesta consecutiva da inizio stagione: ma prima di poterne parlare, sarà il caso alla quarta sirena di avere qualcosa in più degli ospiti.

Condividi la notizia