Sport Argomm Iseo viaggia a novanta e può calare il poker di successiSport | Sport

Argomm Iseo viaggia a novanta e può calare il poker di successi

Guglielmo Furlanis ha giocato a tutto campo tenendo alto il ritmo
Guglielmo Furlanis ha giocato a tutto campo tenendo alto il ritmo
Beppe Raspanti 29.10.2018

Pur privo di Dalovic, appiedato dall’influenza, e con Marelli e Furlanis non al meglio, l’Argomm Iseo cala il poker di successi piegando a Bergamo i giovani della Blu Orobica (90-79) e portando sei giocatori in doppia cifra. Longano, coach di casa, parte con Nani, Boccafurni, Signore, Stucchi e Perego mentre Mazzoli, che pescherà a piene mani dalla panchina, rispolvera Furlanis in avvio con Marelli, Tedoldi, Franzoni e capitan Baroni. Nel primo periodo emerge la poca continuità di gioco dell’Iseo di questa stagione e il punteggio a fisarmonica, con i gialloblu che scappano e gli orobici che ricuciono puntualmente, fa scaturire un parziale di 19-17 esterno che poco racconta dell’andamento. Trascinata da un Franzoni incontenibile, la squadra di Mazzoli scappa sul 9-2 già al 2’ ma i due lunghi di casa Stucchi e Perego confezionano il 9-8 del 4’. E ancora: l’ingresso sul parquet di Mori rivitalizza Iseo che vola sul 19-11 al 7’ ma Blu Orobica riesce appunto a chiudere sul meno 2. Nel secondo segmento la gara si fa più equilibrata anche nell’andamento e i bergamaschi riescono anche a mettere il muso avanti prima sul 26-25 al 13’ e poi di nuovo sul 32-31 al 16’ quando Mazzoli decide di rinfrescare le idee ai suoi richiamandoli in panca. La sferzata del coach è efficace e Iseo, condotta da un ottimo Furlanis, estrae un parziale di 19-7 che manda le squadre al te di metà gara sul 50-39 ospite. Alla ripresa, Baroni e soci sono freddi nel tenere gli avversari a distanza di sicurezza e il divario intorno alla dieci lunghezze rimane invariato per tutto il periodo di un match che, dato il metro arbitrale, porta entrambe le squadre spesso in lunetta. Il 73-61 con cui inizia l’ultimo periodo appare rassicurante per gli ospiti che accelerano ancora e al 35’ il solco è enorme (81-62): Bergamo si arrende e Iseo chiude in carrozza. •