La Feralpisalò deve
rialzarsi e Toscano
punta sul passato

Eloquente il gesto di Domenico Toscano, 47 anni, allenatore della Feralpisalò: 3 punti contro la Ternana
Eloquente il gesto di Domenico Toscano, 47 anni, allenatore della Feralpisalò: 3 punti contro la Ternana
Sergio Zanca 21.01.2019

Ed è subito Ternana. Nemmeno il tempo di pensare e rimuginare alla sconfitta con la Fermana, e la Feralpisalò ritorna in campo. Domani sera, allo stadio «Lino Turina» riceverà gli umbri che, sconfitti sabato in casa dal Fano (gol di Ferrante, ex Brescia), hanno esonerato l’allenatore Gigi De Canio, prendendo Alessandro Calori, ben conosciuto anche dalle nostre parti, che ha firmato un contratto valido fino al 30 giugno 2020. L’allenatore della Feralpisalò, Domenico Toscano, a digiuno di vittorie da ben 7 gare (3 pareggi e 4 ko), chiede alla sua vecchia squadra il lasciapassare per invertire la rotta. Nel 2012, con la Ternana, che aveva come direttore sportivo Vittorio Cozzella, ex centravanti del Brescia, il tecnico calabrese ha conquistato la promozione in B con 2 giornate di anticipo, grazie al 2-0 rifilato alla Reggiana (doppietta di Sinigaglia, ex Lumezzane), e poi ha ricevuto la Panchina d’oro.

L’ANNO SUCCESSIVO, tra i cadetti, l’ha condotta a una tranquilla salvezza, con un eccellente 9° posto. Tra i suoi giocatori il portiere Brignoli, Alfageme, Meccariello, Litteri, Ceravolo. Nell’estate 2015 è tornato, ma si è dimesso dopo 4 giornate: un’esperienza negativa, che non ha cancellato il feeling col pubblico. Domani, alla guida della Feralpisalò, Toscano spera di conquistare un risultato positivo, che ponga fine a un periodo decisamente negativo, ed eviti alla squadra di sprofondare ulteriormente. La caduta dei gardesani sembra non avere mai fine. Sono infatti crollati dal 2° posto dopo la vittoria di Gorgonzola contro la Giana di sabato 1 dicembre all’11° attuale, che li pone addirittura fuori dai play-off. Rispetto alla capolista Pordenone hanno perso la bellezza di 14 punti, passando da – 1 a – 15. E ora non devono più guardare in alto, alle grandi del campionato, ma lottare testa a testa con le squadre di media classifica.

INTANTO Calori ha diretto il suo primo allenamento e si prepara alla trasferta in riva al Garda. Come modulo di preferenza adotta il 4-3-1-2, anche se le sue squadre a volte hanno giocato con la difesa a 3: «Terni è una bella sfida - ha dichiarato -. C’è tanta voglia di riemergere. I ragazzi devono prendere coscienza che qua bisogna dare il massimo per raggiungere l’obiettivo. Che lo si possa ottenere direttamente o no sarà il campo a dirlo. Intanto prepareremo al meglio la sfida contro la Feralpisalò, un’avversaria di sicuro valore». È appena arrivato il centrocampista Fabrizio Paghera, andato ad aggiungersi ad altri quattro ex Brescia: il terzino sinistro Walter Lopez, gli esterni Federico Furlan e Rigoberto Rivas e il portiere Riccardo Gagno. A Brescia Calori ha sostituito Beppe Scienza nel dicembre 2011, conquistando 5 vittorie consecutive, e portando il portiere Arcari al record storico di imbattibilità (907 minuti). Rimasto anche nel campionato successivo, ha poi vissuto l’esperienza di Novara, ritornando a Brescia nel febbraio 2015: retrocessione in C per i 6 punti di penalizzazione, con successivo ripescaggio. Ultima squadra allenata: il Trapani fino alla scorsa primavera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA