La Feralpi Salò si ritroverà
a sfidare la nuova regina

Il difensore brasiliano Emerson, 37 anni: domenica ritrova il Padova con cui ha giocato la scorsa stagione
Il difensore brasiliano Emerson, 37 anni: domenica ritrova il Padova con cui ha giocato la scorsa stagione
Sergio Zanca30.10.2017

Dopo il turno di riposo la Feralpi Salò è scesa dal 7° all’8° posto nel girone B di serie C, con un bottino di 16 punti (peggio rispetto ai 18 dell’anno scorso), e ha respinto l’assalto del Vicenza (15), sconfitto a Bolzano dal Sudtirol, salito a sua volta a quota 15, e del tandem composto da Triestina e Fermana, 14: entrambe non sono andate oltre il pareggio interno.

Rispetto alla vigilia, che li vedeva staccati di 4 lunghezze dalla capolista Pordenone, i gardesani scivoleranno a -6 dalla squadra che da mercoledì sarà al comando: il Padova, prossimo avversario della Feralpi Salò al «Turina», che vincerà senza colpo ferire.

Ieri si è presentato allo stadio «Braglia» per affrontare il Modena, bloccato da una gravissima crisi finanziaria, e ha trovato le porte chiuse: il Comune non intende riaprirle fin tanto che non riscuoterà gli affitti arretrati. Di conseguenza mercoledì il Giudice assegnerà il 3-0 a tavolino ai veneti di Pierpaolo Bisoli, che balzeranno in testa.

DOPO UNA BRUTTA partenza (2 sconfitte nelle 3 gare iniziali), la Feralpi Salò ha raddrizzato il timone ottenendo 7 risultati utili consecutivi e migliorando la sua posizione in classifica. Meglio, a livello di continuità, sta facendo solo il Pordenone, l’unica ancora imbattuta, quindi in serie positiva da 11 giornate. Ieri i friulani hanno chiuso 0-0 a Fermo, nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione del difensore Stefani, e l’infortunio dell’attaccante Gerardi. Pur non avendo compiuto un bel passo avanti, sono riusciti a salvare la pelle.

Oggi pomeriggio Michele Serena ritroverà i suoi sul campo di Nuvolento per la ripresa degli allenamenti. Mercoledì è prevista l’amichevole infrasettimanale a Nave (ore 15): l’occasione di provare la formazione che domenica affronterà la capolista Padova, alle 18.30.

La partita, valida per la dodicesima giornata, racchiude almeno un paio di motivi di particolare interesse. Innanzitutto la presenza, nelle file dei verde blu, degli ex Dettori, Emerson (i due sono i primatisti in fatto di gare giocate tra i professionisti: 403 il centrocampista, 357 il difensore brasiliano) e Serena. Eppoi c’è il duello tra il tecnico veneziano e suo figlio Riccardo, 21 anni, ex Union Pro, Mestre e Abano.

Archiviato il Padova, il calendario riserverà un altro impegno in casa, mercoledì 8 novembre nel turno infrasettimanale contro la Fermana e, successivamente, domenica 12, la delicata trasferta di Bassano del Grappa. Tre duelli in appena sette giorni.

LA FERALPI SALÒ deve ritrovare tutti i suoi bomber, in modo da creare pericoli sull’intero fronte d’attacco. Oltre a Martin, esterno difensivo, finora hanno segnato soltanto Guerra, 8 gol, e Ferretti, solo uno: si è sbloccato proprio domenica scorsa, nel vittorioso incontro interno contro il Gubbio.

Sono ancora a bocca asciutta Mattia Marchi, frenato da una serie di guai fisici (prima la contrattura muscolare, poi la sublussazione della spalla, infine un virus), Jawo, Voltan e Luche. Occorre che pure loro lascino il segno.

La Feralpi Salò ha mandato a bersaglio solo 3 uomini, al pari della Fermana: sono le due compagini con il minor numero di goleador, non considerando naturalmente il derelitto Modena, che ha disputato una gara sì e l’altra no, ed è ormai vicino all’esclusione dal campionato, nonostante gli ultimi, disperati tentativi di rilancio societario.

Condividi la notizia