Brescia, è già arrivata l’ora della rivincita

La portoghese Monica Mendes: prima stagione in biancazzurro
La portoghese Monica Mendes: prima stagione in biancazzurro
Alberto Giori04.11.2017

Per fare il bis di Fiorentina il Brescia dovrà dimostrare di non essere sazio e di avere la stessa fame di vittoria sfoderata in occasione del sorprendente 4-1 inflitto alle viola poco più di un mese fa nella finale di Supercoppa. Dopo tre successi di fila in campionato la squadra biancazzurra è chiamata all'ennesimo esame della propria stagione per mantenere la vetta della classifica fino ad ora condivisa con la Juventus.

Dimenticarsi del netto successo di Forlì però potrebbe essere una buona cosa per una squadra che non può permettersi di adagiarsi su quanto di buono ha fatto fino a questo momento e ancora meno di credere che la Fiorentina possa essere quella vista in Supercoppa. Sulla strada di Cristiana Girelli e compagne infatti c'è una squadra che sembra essersi messa definitivamente alle spalle un inizio di stagione complicato, come dimostrano le due vittorie consecutive in campionato e il passaggio del turno ottenuto in Champions, proprio come il Brescia, contro le forti danesi del Fortuna Hjorring. «Sappiamo che sarà una sfida davvero durissima per noi - avverte alla vigilia Gianpiero Piovani -, loro avranno il dente avvelenato dopo la pesante sconfitta (4-1) subita contro di noi in Supercoppa e vorranno assolutamente rifarsi. Noi però sappiamo bene cosa dobbiamo fare in campo e per questo sono molto fiducioso. In questa settimana abbiamo lavorato molto dal punto di vista tattico e la squadra è pronta a rispondere colpo su colpo alla Fiorentina. Il nostro approccio alla gara farà la differenza e se avremo la solita determinazione sono sicuro che potremo fare risultato».

Fiducia che serve al Brescia come il pane visto che dopo la Fiorentina ad attendere le biancazzurre ci sarà mercoledì il Montpellier in champions: «Sono sicuro che le ragazze affronteranno la sfida con la Fiorentina senza pensare ad altro perché è una gara troppo importante per noi. Queste partite non vanno preparate dal punto di vista psicologico perché gli stimoli sono già tanti. Un ottimo risultato a Firenze ci potrebbe dare quella spinta in più per cercare l'impresa in Champions».

PER RACCOGLIERE la quarta vittoria consecutiva in campionato il tecnico del Brescia dovrebbe affidarsi alla stessa formazione che una settimana fa ha battuto per 2-0 il Tavagnacco con il collaudato 3-5-2. Di Criscio confermata esterno di destra, Giugliano in cabina di regia e avanti la coppia formata da Sabatino e Giacinti. La vera novità rispetto alla sfida con le friulane sono le alternative in panchina: Piovani potrà contare su Sikora e Tomaselli, pronte per essere buttate nella mischia in caso di necessità. Frecce in più nella faretra biancazzurra che dopo la strepitosa vittoria contro la Fiorentina in Supercoppa vuol fare ancora una volta centro per sognare lo scudetto.

Condividi la notizia