Musica La Festa dell’Opera inonda Brescia di musica e gioiaMusica | Musica

La Festa dell’Opera
inonda Brescia
di musica e gioia

La Festa dell’Opera si appresta a tornare domani anche al Ridotto del Teatro GrandeNote celebri, ma anche contaminazioni fra i generi domani in città
La Festa dell’Opera si appresta a tornare domani anche al Ridotto del Teatro GrandeNote celebri, ma anche contaminazioni fra i generi domani in città
Luigi Fertonani 14.09.2018

Gli appassionati che hanno deciso di partecipare alla Festa dell’Opera dalla «a» alla «zeta», o meglio dalla prima all’ultima nota, vanno a dormire presto, perché all’alba di domani mattina, alle 6.30, l’appuntamento è con «Arie di luce», che porterà chi si è iscritto nei giorni scorsi a un concerto specialissimo, ambientato in uno dei più suggestivi giardini del centro storico, quello del Palazzo Vescovile, dove i cantanti saranno accompagnati dagli strumenti del Bazzini Consort; e al termine, colazione per tutti. Ma è solo l’inizio di un percorso musicale lungo una giornata, fino a notte: chi vorrà perdersi un momento magico come quello organizzato alle 10.45 al Ridotto del Teatro Grande, con il Barbiere di Siviglia rossiniano in chiave appunto «ridotta»? O il concerto delle 11.15 nel Salone Da Cemmo del Conservatorio per arie tratte dal Trittico pucciniano o ancora, alle 11.30 al Mo.Ca. di via Moretto 78, la presentazione con concerto del libro «Le donne di Rossini» di Roberta Pedrotti.

TANTISSIMI sono gli appuntamenti che fatalmente si sovrappongono e tra i quali occorrerà quindi operare una non semplice scelta. A mezzogiorno l’Opera Sacra nella chiesa di Santa Maria della Carità in via Musei col repertorio di arie tratte da lavori sacri di Mozart, Concone, Donizetti, Fauré, Franck, Perosi e Rossini. Per giungere in zona «orario aperitivo» e alle 12.30 alla Vineria Dolcevite, dove la figura di Leonard Bernstein verrà omaggiata da improvvisazioni di Oscar del Barba e Achille Succi accompagnate dalla voce del soprano Marianna Mennitti sui celebri temi di West Side Story; e alle 12.45, in via Gasparo da Salò, l’Opera Jukebox, un menu «à la carte» d’arie d’opera che il pubblico potrà liberamente gettonare ai giovani cantanti. E proprio in quelle ore e nel pomeriggio, con «Opera Car» sulle automobili della Festa dell’Opera i cantanti si esibiranno in alcuni dei luoghi del centro e della periferia. Il programma riprenderà alle 15 nella straordinaria Sala del Moretto del Circolo al Teatro con musiche per arpa, dove il pubblico sarà ammesso con ingresso ogni 15 minuti. Alle 15.30 l’incontro nel Ridotto del Grande con i «Pazzi per l’Opera» che racconteranno i problemi della messa in scena un’opera. Prima della fase finale della festa - che proporrà come sempre in serata al Teatro Grande l’atteso Gran Gala delle 21 con gli artisti del cast di Tosca che inaugurerà la stagione d’opera a Brescia, e una serie di appuntamenti serali in largo Formentone, nel Cortile del Broletto e in piazza del Foro - la Festa porterà concerti anche nella Metro a partire dalle 16 e a Palazzo Martinengo Villagana, sede di Ubi Banca, dove si terrà sempre a partire dalle 16 lo speciale appuntamento «Juliette, ange adorable» con posti limitati e ingresso ogni 30 minuti. Musica per tutti, contando come sempre su un meteo positivo fino al «Gran Finale al Tempio» in piazza del Foro a mezzanotte, con la Filarmonica dell’Opera Italiana diretta da Bruno Bartoletti.