Eros Ramazzotti, un nuovo album poi nei grandi teatri

La copertina del disco
La copertina del disco
11.09.2018

«La cosa più importante per un artista è che il suo lavoro venga accettato e amato. Arrivare al cuore della gente è fondamentale e io ho sempre cercato di farlo». Eros Ramazzotti è pronto, una volta ancora, a puntare dritto al cuore. Lo farà con “Vita ce n’è“, il nuovo disco in uscita il 23 novembre su etichetta Polydor. È lo stesso Ramazzotti ad annunciarlo, insieme a un tour mondiale che debutterà il 17 febbraio a Monaco (e che in Italia, per ora, si fermerà solo a Torino, Milano e Roma in marzo), in diretta Facebook dal suo studio di registrazione. «È un anno mezzo che ci sto lavorando insieme ai miei collaboratori, ogni volta ci metto tanto perchè lavoro molto sui particolari. È un disco importante, almeno per me: alla soglia dei 55 anni ha un valore aggiunto molto forte». Il titolo, spiega Eros, «è lo stato d’animo di questo momento storico ed è un messaggio positivo, lo stesso che ho sempre dato nei dischi e nelle canzoni in questi 30 anni. Spero che piaccia, il lavoro è stato fatto con molto impegno». Al disco seguirà un tour che girerà in lungo e in largo il pianeta, per tutto il 2019. Il via da Monaco di Baviera, «una città a me molto cara, perchè è una delle prime nelle quali ho fatto promozione e da dove nel 1984 ho iniziato il giro d’Europa». La prevendita del tour sarà affidata a Spotify, con vendita generale al via il 13 settembre. L’album, che uscirà in italiano e in spagnolo per il mercato latino, sarà disponibile nelle versioni standard, deluxe, doppio vinile e cofanetto. Questo il calendario del tour: 17 febbraio Monaco, 20 febbraio Colonia, 22 febbraio Lussemburgo, 25 febbraio Stoccarda. Poi la tranche italiana nei palasport: 2 marzo Torino, 5, 6, 8 e 9 Milano, 12, 13, 15 e 16 Roma, 16 Lione, 21 Madrid, 23 Barcellona, 25 Zurigo, 28 Parigi, 31 e 1 aprile Bruxelles. A maggio e giugno il tour toccherà nord e sud America, per tornare in autunno in Europa. •