Donà, l’«Incantautrice» senza Tregua

Cristina Donà: ha cinquant’anni
Cristina Donà: ha cinquant’anni
Claudio Andrizzi10.11.2017

Cristina Donà festeggia anche a Brescia i vent’anni del suo album d’esordio: sarà la Latteria Molloy di via Ducos ad ospitare questa sera sera il tour «Tregua 1997-2017: Stelle buone», con il quale «l’incantautrice» lombarda sta celebrando l’importante anniversario nei più importanti club della Penisola. L’inizio dello show è previsto per le 22.30, anche se il locale sarà aperto dalle 20: biglietti in cassa a 15 euro, 13 euro per chi cena nel locale prenotando all’indirizzo info@latteriamolloy.it.

LO SHOW prende il nome dal disco pubblicato lo scorso 15 settembre da Believe Recordings: è un progetto celebrativo in cui Cristina ha voluto rivisitare «Tregua», il suo esordio del 1997, affidando l’esecuzione dei brani a dieci artisti di nuova generazione, invitandoli a rileggere le partiture originali in totale libertà ed intervenendo nelle registrazioni con la propria voce. Nell’impresa si sono cimentati nomi come Io e la Tigre, Birthh, Sara Loreni, Chiara Vidonis, Simona Norato, Blindur, Zois, Il Geometra Mangoni, La rappresentante di Lista, Sherpa.

«È stata una vera e propria esperienza di condivisione e mutazione discografica – afferma la Donà, che ha riservato unicamente a se stessa solo la reinterpretazione del brano “Stelle Buone” -. Sono passati vent’anni e la prima cosa che penso è che sto ancora facendo il lavoro che amo di più, il mio sogno. Quante meravigliose persone incontrate, quanti luoghi, quanti musicisti, produttori… per questo voglio festeggiare l’affetto che il pubblico mi ha riservato a partire dal mio primo album, l'accoglienza che ebbe subito, appena uscito, l’influenza che “Tregua” e la mia musica hanno avuto su molti artisti delle nuove generazioni».

Fedele alla sua ferrea volontà di non ripetersi mai, l’artista ha preparato un concerto con numerose novità rispetto alle esibizioni estive: in scaletta infatti non mancheranno nuove versioni di altri brani simbolo del suo repertorio, oltre a cover di grandi artisti italiani ed internazionali. Soprattutto questa sarà l’ultima occasione per vedere la reinterpretare la scaletta del suo primo album.

Con Cristina Donà, suoneranno Cristiano Calcagnile alla batteria (anche curatore degli arrangiamenti), un collaboratore fidato della prima ora come Lorenzo Corti alla chitarra, Danilo Gallo al basso e Gabriele Mitelli alla tromba.

Condividi la notizia