La passione di Cotillard per il tenente Garrel

Marion Cotillard è Gabrielle, protagonista d «Mal di pietre»
Marion Cotillard è Gabrielle, protagonista d «Mal di pietre»
07.11.2017

Il film in programma questa sera al cinema Sociale per i Martedì a cura del Nuovo Mascherino è «Mal di pietre» di Nicole Garcia ed è bizzarro come il romanzo omonimo di Milena Agus, passato quasi inosservato in Italia, abbia avuto invece un folgorante successo in Francia. Lettrice d'eccezione è stata Nicole Garcia - un passato di regista di grande temperamento e caratura artistica - che se ne è subito innamorata. È lei a spiegare perché si sia impossessata di questo personaggio femminile: «Secondo me il destino di questa donna rappresenta metaforicamente l'immaginazione, la forza creativa di cui tutti siamo capaci quando i nostri desideri e i nostri sentimenti ci spingono ad andare oltre i nostri stessi limiti».

IL FILM della Garcia, ambientato nella Francia rurale del Sud, negli anni Cinquanta, ai tempi della guerra in Indocina, è un melodramma del tutto originale. L'opposizione fra realtà e sogno, forza del desiderio e forza delle cose, trova il suo equivalente in una messa in scena di grande intelligenza i cui poli dialettici sono da un lato un'accurata ed elegante ricostituzione d'epoca, dall'altro una dirompente passione istintiva e carnale, che infrange le convenienze sociali. A Gabrielle, la protagonista, ha dato vita - e non poteva essere diversamente - l'interpretazione al tempo stesso psicologica e fisica al massimo grado di Marion Cotillard.

Son 17 anni nella vita di Gabrielle quelli raccontati dal film, con opportuni ritorni all'indietro nel tempo, fra i quali la rivelatrice scena-clou. Da quando sogna la felicità e l'amore col maestro del villaggio, entra vestita in acqua e si solleva il vestito per spegnere i bollenti spiriti, fa la matta e viene data in moglie a un muratore che amerà solo travestendosi da prostituta. Poi, andata in una clinica svizzera a curare il mal di pietre, i calcoli renali, incontrerà l'amore di un tenente malato (Louis Garrel), reduce dall'Indocina...

Proiezioni alle 18 e alle 21; biglietto a 5 euro. F.B.

Condividi la notizia