I Taviani e Fenoglio
Questione privata
tra cuori partigiani

Luca Marinelli è Milton
Luca Marinelli è Milton
08.11.2017

«Eravamo giovani, avevamo i fucili e le donne», diceva Felice Andreasi, vecchio ex-partigiano, nel «Caso Martello», esordio di Guido Chiesa, che poi girerà «Il partigiano Johnny» da Fenoglio, con la Resistenza che diventa questione di giovani: Johnny è Stefano Dionisi. E non è un caso che i fratelli Taviani, alle prese con la trasposizione della «Questione privata», si siano rivolti a Luca Marinelli, attore capace di infondere nel personaggio di Milton, protagonista del romanzo di Fenoglio, una carica di nervosa e vibrante giovinezza: «il romanzo che tutti avevamo sognato» disse Calvino.

La pellicola è stata girata in Val Maira: Acceglio, Stroppo, Colle Maurin, Sampeyre, Ussolo, Chialvetta, il Saluzzese e a Lanzo: Fulvia (Valentina Bellé), giovane donna della Torino bene, sfollata in una villa nei pressi di Alba, pur non possedendo l’ammaliante ambiguità di Catherine, la protagonista di «Jules e Jim», ha bellezza, disinvoltura e temperamento tali da far breccia nei cuori dei due Jules e Jim partigiani, cioè Milton (Luca Marinelli) e Giorgio (Lorenzo Richelmy).

Milton, fucile in spalla, vaga nei boschi fra fango e nebbie quando gli si para davanti agli occhi la dimora di Fulvia. Con l’anziana governante rievoca i giorni felici con Fulvia ed è costretto a chiedersi se Fulvia lo abbia amato o abbia preferito il più raffinato e ricco Giorgio. Non sopportando l’incertezza, parte alla ricerca dell’amico, partigiano in altra brigata.

Complici l’ambientazione, i magnifici décors, le musiche di Giuliano Taviani e Carmelo Travia in cui spicca l’iniziale «Over the Rainbow», l’energica finezza dell’interpretazione di Luca Marinelli, il cinema dei fratelli vola alto sulle ali della questione privata fra Milton e Giorgio mentre la ricerca di poesia nel linguaggio entra talora in conflitto con la prosa, le mere esigenze cioè del racconto. F.B.

«Una questione privata»

Di Paolo e Vittorio Taviani. Italia-Francia 2017. Al cinema Moretto. Voto: 8.

Condividi la notizia