Pirlo premiato
a New York
«Adesso smetto»

Andrea Pirlo con il premio ricevuto dal presidente lombardo Maroni
Andrea Pirlo con il premio ricevuto dal presidente lombardo Maroni
04.11.2017

Chissà se questo sarà l’ultimo premio da calciatore, visto che tra un mese a 38 anni appenderà le scarpe al chiodo. Lo si saprà tra poco.

Andrea Pirlo ha ricevuto dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni il premio «Leadership Excellence Awards», nell’ambito della cerimonia «This is Italy». La cerimonia si è tenuta all’Harvard Club di New York. Si tratta di un riconoscimento speciale organizzato da Panorama.

La carriera del campione bresciano è inimitabile. Campione del mondo con la Nazionale italiana nel 2006, è cresciuto nel Brescia, con cui ha debuttato il 21 maggio 1995 in Reggiana-Brescia 2-0: aveva compiuto 16 anni da 2 giorni. Ceduto all’Inter, va in prestito alla Reggina. Nel 2000 torna all’Inter, che nel gennaio 2001 lo rimanda al Brescia.

Qui Carletto Mazzone ha un colpo di genio: per farlo convinvere con Baggio, lo trasforma in regista, il ruolo con cui farà la fortuna prima del Milan (dal 2001 al 2011: 2 scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana, 2 Champions League, 2 Supercoppe europee, un Mondiale per club), poi della Juventus (2011-2015: 4 scudetti, una Coppa Italia, 2 Supecoppe italiane), della Nazionale Under 21 (primatista per presenze, 37, e reti, 15, campione europeo nel 2002) e della Nazionale maggiore (116 presenze e 13 reti, campione del mondo nel 2006, vice campione d’Europa nel 2012).

UN PALMARES incredibile di un campione immenso. Non abbastanza, però, per fargli vincere il Pallone d’oro. Incredibile ciò che accadde nel 2007: in un anno e mezzo conquistò il Mondiale con l’Italia, la Champions, la Supercoppa europea e il Mondiale per club con il Milan. I giurati gli preferirono Kakà, suo compagno di squadra in rossonero.

Che successe poi? Entrambi lasciarono il Milan. Ma il brasiliano, al Real Madrid, si perse; Pirlo, invece, a 32 anni con le sue magie fece rinascere la Juventus, tornata la Vecchia Signora degli scudetti.

Ora sta spendendo gli ultimi spiccioli di carriera nel New York City Fc: «Alla mia età è il momento di dire basta - le parole di Pirlo -. A dicembre, alla scadenza del contratto, tornerò in Italia ma non so quel che farò». Chissà se Brescia e il Brescia sapranno celebrarlo come merita. V.C.

Condividi la notizia