A Ponte di Legno il volume in regalo durante l’incontro

L’autore del libro, Luciano Costa
L’autore del libro, Luciano Costa
04.08.2018

Domani sera, vigilia del 40° anniversario della morte del Beato Paolo VI, Ponte di Legno smetterà di essere il paese turistico per eccellenza e diventa luogo di «memoria, affetto e preghiera» per un Papa che qui, in gioventù con la famiglia e ogni volta che gli impegni pastorali glielo consentivano, accompagnato dagli amici che con lui «sognavano cieli e terre nuove», arrivava «per respirare aria buona e salubre», per immergersi «nella spiritualità che solo la montagna è in grado di offrire» e tessere col suo amico parroco e confessore don Giovanni Antonioli lunghi e approfonditi dialoghi sulla Chiesa e il mondo visti dall’alto, «con gli occhi del montanaro e la premura del pastore». Il ricordo di Paolo VI si svolgerà nella chiesa parrocchiale dedicata alla Santissima Trinità in due momenti tra loro diversi ma correlati: domani alle 18 il cardinale Giovanni Battista Re, il vescovo di Brescia Pierantonio Tremolada e il parroco don Giuseppe Pedrazzi celebreranno la messa di suffragio; alle 21 al cardinale e al vescovo s’aggiungeranno Fausto Montini, nipote del pontefice ed Enrico Castelli, vicedirettore del Tgr Rai in veste di moderatore, daranno sostanza all’incontro-dibattito promosso per raccontare il viaggio che ha portato Giovanni Battista Montini «da Concesio a San Pietro». AI PARTECIPANTI alla serata, voluta dalla parrocchia e lodevolmente e coraggiosamente sostenuta da Mirella Cultura nell’ambito della sua proposta dedicata a «PontedilegnoPoesia», per volontà della stessa parrocchia, sarà distribuito il libro scritto da Luciano Costa e dedicato a «Paolo VI Santo - L’amico vero e sincero».