Brescia Musei si mette
in difesa e pensa ai tetti

La Leonessa
La Leonessa
04.09.2018

Cosa c'è dopo settembre? Un nuovo presidente? Un nuovo direttore o quello di prima? Una società esterna che farà (quasi) tutto: biglietterie, mostre, cataloghi? Brescia Musei è ad un bivio, non è il primo. Ma l'orizzonte compare a stento, poco chiaro. Pare che il direttore sarà prorogato fino a dicembre, ...come se di incertezza non bastasse quella che c'è già. E che da qui alla fine dell'anno non ci saranno grandi iniziative. La Fondazione si mette in difesa. Ci sono i tetti (dei musei) da rifare e i conti da tenere a bada. Probabilmente con le mostre si salterà un giro. Chi lo sa? Non si è mai saputo granché in anticipo a Brescia Musei. Lo Statuto dice che andrebbe presentato un programma annuale. Ma fino ad ora non è mai accaduto. Le mostre trattate come segreti. Però è in arrivo un nuovo partner: la gara sui servizi museali scade. Che sia la volta buona per questo bando fatto e rifatto e rifatto?