Istituto Helvetico Sanders:
ultimi aggiornamenti

A cura di Publiadige

(DAMATOA)
05.06.2017

Attualmente esistono 2 tecniche di trapianto capelli, la STRIP e la FUE. Con la prima viene prelevata una losanga (o striscia) di cuoio capelluto dalla zona donatrice, poi sezionata per permettere il ritiro delle unità follicolari da impiantare nelle aree prive di capelli. Il metodo tuttavia non consente di evitare la permanenza di una cicatrice abbastanza evidente nella zona della nuca.

Al contrario, con la tecnica F.U.E. monobulbare, prevede il prelievo singolo di unità follicolari mediante strumenti minimamente invasivi: per l'estrazione si utilizza un punch e una siringa a becco di flauto per allocare le unità follicolari in modo che i capelli ricresciuti seguano il naturale orientamento della capigliatura, conseguendo perciò un risultato davvero naturale.  

E non è tutto, l’evoluzione della tecnica chirurgica ha portato oggi ad avvalersi di nuovi e più sofisticati approcci, consentendo di ottenere risultati ritenuti fino a pochi anni fa impensabili. Gli strumenti di estrazione F.U.E. hanno beneficiato di significativi miglioramenti permettendo a questa tecnica di diventare la migliore nel settore. Ora i professionisti dell’autotrapianto F.U.E. possono usufruire di punch manuali o motorizzati e di ulteriori tecniche per la raccolta delle unità follicolari.

Lo sviluppo della tecnica F.U.E. negli ultimi anni è stato enorme e questa notizia di per se è stata sufficiente affinché molte più persone rispetto a prima identificassero il trapianto capelli come migliore approccio contro la calvizie: tra questi, anche tutti i clienti che hanno scelto Istituto Helvetico Sanders. La non invasività della tecnica F.U.E. consente di evitare il fastidioso e permanente prelievo della striscia di cute per l’estrazione dei bulbi.

 

 

Le strumentazioni più all’avanguardia per il trapianto capelli

 

Caratteristiche del punch motorizzato:

  • A parità di tempo permette di estrarre una quantità maggiore di unità follicolari
  • Permette di estrarre graft di qualità in minor tempo
  • Non è necessario incidere la cute in profondità
  • Diminuendo il fenomeno del pop-up permette di innestare le graft a minore distanza le une dalle altre
  • Possibilità di montare punte di dimensione minore (0,7 mm)
  • Possibilità di prelevare graft da zone della cute non accessibili con il punch manuale (es. dalla bassa nuca)

 

Caratteristiche del punch manuale:

  • Permette al chirurgo una maggiore sensibilità nel lavoro
  • Maggiormente consigliato per determinati tipi di cuoio capelluto.
  • Più indicato in presenza  di capelli sottili
  • Richiede esperienza e manualità nell’utilizzo
  • Più indicato per trattare alcune zone di prelievo.

 

 

L’esperienza del chirurgo rimane la variabile fondamentale

Non è raro che il medico durante una sessione di autotrapianto passi dal dispositivo motorizzato a manuale o viceversa. Tale decisione viene presa essenzialmente in funzione delle seguenti variabili: la qualità della cute, la qualità delle strutture capillari e la zona da trattare. Entrambi gli strumenti consentono di raggiungere risultati di altissima qualità, l’importante è affidarsi sempre a strutture serie e chirurghi abili ed esperti nella tecnica F.U.E.

I chirurghi che collaborano con Istituto Helvetico Sanders, grazie alle migliaia di interventi effettuati, sono in grado di effettuare interventi utilizzando indistintamente le 2 tipologie di punch oppure entrambe contemporaneamente, scegliendo sempre la tipologia che consente di ottenere il migliore risultato in base alle caratteristiche specifiche del soggetto su cui intervenire.

 

 

I risultati ottenuti con l’autotrapianto capelli F.U.E.

 

Foto 2

Federico, 41 anni, ha potuto risolvere i suoi problemi di calvizie in zona temporale e frontale, grazie all’autotrapianto F.U.E. effettuato tramite Istituto Helvetico Sanders:  circa 4.200 capelli innestati, per un cambiamento estetico davvero evidente come emerge nella foto (risalente alla consultazione a 6 mesi con il chirurgo).

 

Foto 3

Il diradamento di Andrea, 31enne di Perugia, era particolarmente accentuato nel momento in cui si recava nella sede Istituto Helvetico Sanders della sua città: l’hairline aveva notevolmente perso di definizione, mentre i capelli in tutta l’area frontale si mostravano assai sottili, deboli e tendenti ad una ulteriore caduta.

E’ stato proposto al ragazzo di sottoporsi ad un autotrapianto capelli con tecnica F.U.E.: il chirurgo ha fornito un dettagliato progetto d’intervento, innestando più di 3.900 capelli che (ad oggi: 6 mesi) sono ricresciuti gradualmente, seguendo il naturale orientamento della capigliatura.

 

Foto 4

Mirko, 28 anni, si è recato nella sede della sua città, Roma, per risolvere definitivamente i propri problemi di calvizie. Dopo l’autotrapianto F.U.E., i capelli sono ora visibilmente più folti e robusti.

 

Scegli le migliori strutture ed un servizio della massima qualità per il tuo trapianto capelli
Sottoporsi ad un trapianto capelli è una scelta che viene effettuata per raggiungere un obiettivo non solo estetico e sentirsi nuovamente a proprio agio con se stessi.

 

Per soddisfare queste esigenze, è fondamentale essere guidati in questo percorso da esperti nel settore tricologico. Istituto Helvetico Sanders mette a disposizione le migliori strutture adatte alle necessità di ogni persona. Location suggestive pronte ad accogliervi garantendo tranquillità e riservatezza, i migliori comfort per rendere piacevole il soggiorno durante l’intervento.  Ogni struttura sanitaria in Italia è giustamente sottoposta a stringenti normative, per tutelare la sicurezza dei pazienti. Istituto Helvetico Sanders si avvale esclusivamente di strutture autorizzate, che rispondono pienamente a tutti i requisiti richiesti dalla legge, a livello edilizio, strumentale ed amministrativo. Lo staff, competente e preparato, è dotato di attrezzature all’avanguardia in maniera tale da assicurare precisione ed accuratezza in ogni situazione.

L’esperienza di oltre 30 anni nel settore cosmetricologico, le 22 sedi in Italia e le migliaia di interventi effettuati, testimoniano la competenza, il costante aggiornamento e il pensiero alla ricerca continua che contraddistinguono il nostro personale e i chirurghi. 

Istituto Helvetico Sanders infatti partecipa costantemente ai principali meeting nazionali e internazionali in materia di healthcare, tricologia e autotrapianto capelli: come accade per tutti gli eventi del S.I.Tri. (Società Italiana di Tricologia), abbiamo anche di recente partecipato al 42° Congresso del S.I.Tri. tenutosi il 26-29 Maggio a Venezia.

 

Controlli post-operatori e consulti con il chirurgo

Dopo un intervento di autotrapianto capelli, la garanzia migliore per assicurare il raggiungimento dei massimi risultati può derivare solamente da un costante monitoraggio della ricrescita e una particolare attenzione alla cura del cuoio capelluto.

Per questo è importante rivolgersi ad organizzazioni come Istituto Helvetico Sanders, che prevedono:

2 Medicazioni post-operatorie, a 24 e 48 ore, direttamente presso l’ambulatorio;

2 Consultazioni post intervento con il chirurgo che ha effettuato l’autotrapianto (a 6 e 12 mesi)

Controlli presso la sede della propria città (dopo 7, 15, 30 giorni e, successivamente, una volta al mese fino alla seconda consultazione).

 

Per un autotrapianto capelli scegli l’esperienza e la qualità

L’autotrapianto capelli è ad oggi l’unica soluzione valida per tornare ad avere la capigliatura di un tempo ma è necessario rivolgersi a mani qualificate ed esperte per quello che, anche se minimamente invasivo, è un intervento chirurgico a tutti gli effetti. Per conoscere la sede Istituto Helvetico Sanders più vicina visita la pagina dove siamo .

Puoi avere maggiori informazioni sui prezzi dei servizi e prenotare una visita specialistica gratuita chiamando il numero verde 800283838 oppure compilando il form nella pagina di richiesta visita.

Questa la lista completa con le nostre 22 sedi in Italia: Bologna, Genova, Milano, Padova, Torino, Treviso, Trieste, Verona, Ancona, Firenze, Perugia, Pescara, Roma, Bari, Cagliari, Catania, Cosenza, Lecce, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Salerno.

CORRELATI
Condividi la notizia