«Sono felice anche
senza le gare: ora
una nuova vita»

Daniela Merighetti: in Coppa sei podi tra cui una vittoria
Daniela Merighetti: in Coppa sei podi tra cui una vittoria (BATCH)
19.10.2016

La Coppa del Mondo di sci alpino riparte da Soelden: e dopo sedici stagioni il Circo bianco non vedrà presentarsi al cancelletto di partenza Daniela Merighetti. 228 presenze in Coppa del Mondo con una vittoria, due secondi e tre terzi posti; tre Olimpiadi con il quarto posto di Sochi; cinque partecipazioni ai Mondiali; sette titoli italiani assoluti; cinque gravi infortuni, e altri cinque superati: questa in pillole la sua carriera.

Dopo tanti anni di gare e tante trasferte in Sudamerica questa estate è rimasta a digiuno di sci: cosa ha provato?

«Nulla di particolare: non mi è proprio mancato. Sono stata in vacanza a Cuba, in Messico, all’Isola d’Elba, a Montecarlo e devo dire che sono stata davvero molto bene. Le mie martoriate articolazioni sono tornate asciutte e solide come quando ho iniziato a sciare».

Sabato a Seolden inizia la nuova stagione: chi sarà la sua erede?

«Credo Federica Brignone, che ha già dimostrato di sciare bene nelle prove tecniche e inSuperG. Vorrei aggiungere peraltro che è molto più forte di me, e l’ha già ampiamente dimostrato. Non so se però se sarà lei la nuova capitana. Sarei felice se fosse una delle due sorelle Fanchini alle quali sono legata da sincera amicizia».

Nessun ripensamento rispetto alla decisione del ritiro?

«Non sono tipo da tornare su una decisione presa peraltro in anticipo nel corso della stagione scorsa. A trentacinque anni è tempo di guardare avanti e lasciare il posto alle giovani».

Ha rimpianti oppure è contenta di quello che ha ottenuto?

«Sono felicissima: ha dato più lo sci a me, che io allo sci. Ho lasciato senza tentennamenti. Naturalmente mi sarebbe piaciuto congedarmi con una medaglia iridata o olimpica: è questo l’unico rammarico»

E adesso è tempo di guardare avanti...

«Se è per questo non mi sono mai fermata: lavoro tutti i giorni con grande impegno perché voglio lasciare un segno anche nel post-carriera. Intanto sono stata chiamata dagli organizzatori di Cortina 2021 per fare la testimonial insieme ad altri campioni. E sabato inizierò la collaborazione con Infront: realizzerò interviste e video in un format nuovo di zecca che verrà venduto a diversi broadcast internazionali. Dopo Soelden sarò in Val d’Isere, Courchevel, Cortina e Kitzbuhel. Non vedo l’ora di iniziare».

Ha quindi lasciato la Finanza per la nuova avventura?

«Assolutamente no: anzi ho chiesto il trasferimento a Brescia e spero proprio di essere accontentata. Per il momento sono ancora di stanza a Predazzo perché figuro ancora nell’organico sportivo delle Fiamme Gialle».

Dunque nessuna emozione a non vedersi più in gara?

«Vado avanti sicura per la mia strada. Mi piacerebbe però iniziare la mia collaborazione con Infront con una bella prova della nazionale azzurra: sarebbe il miglior modo per iniziare la mia vita da ex».

Condividi la notizia